Cucina senza senza con Irene


Sonetto d’amore e di cucina da l’Arte di ben cucinare di B. Stefani
gennaio 30, 2010, 12:04 am
Filed under: aperture | Tag:

Pronto a ferir, a cucinar spedito,
Foco d’amor, e foco di cucina:
Le voglie accende, e i cibi al gusto affina,
Impiaga il core, e sana l’appetito.
Forte l’uno mi vuol, l’altro ferito:
Solo a pelar foco amoroso inchina,
Pela il secondo pur, ma ancor cucina:
Quei v’invita a penar, questi a convito.
Sono i colpi d’amore sempre letali,:
Dà la vita del cuoco opra maestra:
Quinci nascon le gioie, e quindi i mali,
Pera il bastardo arcier, pera sua destra,
Più che tutti non vagliono i suoi strali
Del mio Stefani val’una minestra.

ASTOLFO BULTRISIO

Avantissimo lo Stefani compare anche nei sonetti. Sembra che i suoi zuppini leniscano e relativizzino qualunque crisi sentimentale.
Per la segnalazione del sonetto, Grazie al Farmacista Goloso. Per la foto di Palazzo Ducale di Mantova Grazie a SdR.