Cucina senza senza con Irene


Involtini di verza con rombo e riso con salsa alle barbabietole
novembre 30, 2008, 7:35 pm
Filed under: chef star | Tag:

barbe-rosseTempo occorrente: 1 ora tra preparazione e cottura
Ingredienti per 4 persone:

1 verza
200 gr filetto di rombo
200 gr di riso integrale
2 pomodori ramati
1 scalogno
1/2 cipolla bianca
200 gr Barbe rosse (precotte)
Sale
Pepe
Prezzemolo
4 cucchiai di olio extra vergine d’oliva

Scottare le foglie di verza in acqua bollente salata per pochi minuti dopo di che immergerle in acqua e ghiaccio.

Nel frattempo far bollire il riso per 30 minuti circa e lessare il filetto di rombo in una padella con acqua e un goccio di olio in modo che non si attacchi e che mantenga la consistenza, per circa 10 minuti dal bollore. Lavare e tagliare i pomodori a piccoli dadi.

A cottura ultimata tagliare il pesce e mescolarlo con i pomodori tagliati, prezzemolo e il riso e lasciarlo raffreddare.

Preparare la salsa facendo andare in padella con un po’ di olio la cipolla bianca e lo scalogno con le barbe rosse spellate …. aggiungere un po’ di acqua e fare andare qualche minuto in modo che le barbe si ammorbidiscano, volendo si può sfumare con un po’ di spumante, so che non è ammesso ma volendo… ; poi frullare il tutto aggiungendo acqua per ottenere la consistenza desiderata.

Tutto fatto … ?

Adesso passiamo alla preparazione del piatto:

Stendere la foglia di verza su un tagliere ( ci possiamo aiutare stendendo la verza su una pellicola che ci aiuta a fare l’involtino); mettere una manciata del composto e arrotolare la verza … servire sul piatto adagiando il rotolo affettato sulla crema di rape rosse, un giro d’olio e una spuzzata di pepe nero ….

Buon appetito… dalle sapienti mani dello Chef Gianfranco Pagliaricci e della sous Chef Gloria che cucinano al Castello
Elisabetta

filippa8 Fantastico! Volano i piatti, perfino da Istambul.

Elisabetta, che passa spesso di qui, è andata ad Istambul con Anna Galante



Gamberi al curry, zucchine alla menta ed i loro risi
ottobre 14, 2008, 8:28 pm
Filed under: Piatti unici | Tag:

gambericurryzucchinementarisi1

Ingredienti per 4 persone:

Tempo occorrente: 1 ora di cottura – 20 minuti di elaborazione

600 gr di code di gambero

4 cucchiai di panna di soja

1 cucchiaio di curry

5 zucchine medie

4 foglie di menta

90 gr di riso selvaggio

130 gr di riso basmati

2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva

1 spicchio d’aglio

Mettere a cuocere il riso selvaggio per 55 minuti. Normalmente il riso selvaggio è venduto in confezioni da 250 gr. Risulta utile forse bollire tutta la confezione e surgelare quello che è in più, per le prossime preparazioni.

Tagliare le zucchine a dadini regolari. Far scaldare un cucchiaio d’olio mettere le zucchine per 12 minuti. Aggiungere la menta. Tenere in caldo.

Pulire le code di gamberi togliendo le bucce e lasciando solo le codine ed eliminando le interiora. Metterle da parte. In una ciotolina diluire il curry e la panna di soja con 2 cucchiai di acqua calda.

In una pentola scaldare un cucchiaio d’olio, aggiungere le code di gambero, cuocere per 3 minuti, aggiungere il curry e la panna di soja. Tenere in caldo.

Portare a bollore il doppio del volume d’acqua di riso basmati, salare, aggiungere il riso e cuocere coperto per 8 minuti a fuoco dolce. Una volta completata la cottura unire il riso selvaggio.

Comporre il piatto:

Prendere due ciotoline di misura diverse, ungerle d’olio. Una utilizzarla come forma per i risi e sistemare una cupoletta di riso su ogni piatto. Ugualmente formare le cupolette di zucchine distribuendone una per piatto. Infine guarnire con i gamberi al curry.

gatta5Oggi curry e menta …. Lo mangiavo sempre da qualche parte, non so quando, nemmeno dove, periodo concitato, molte avventure…. Vita numero 7 credo. Però anche qui stando attenti non ci si annoia. Questa mattina presto ho visto due figure correre veloci sul marciapiede in silenzio si sono fermate ed hanno armeggiato sulle ruote di quelle macchine che sembrano carovane come li chiamano loro? Suv. Si è sentito il rumore di un gigantesco pallone sgonfiato. Le figure sono svanite senza rumore e quel mucchio di lamiere ingombranti si è accasciato. Sono salita sul parabrezza sporcandolo tutto di terra…. Quanto mi piace sulle macchine tutte pulite lasciare le tracce del mio flessuoso passaggio… ho letto il biglietto: “ti togliamo il gas dalle tue gomme, come tu l’aria dai nostri polmoni!”… carino, e poi correvano davvero senza far vibrare le foglie.

Ammirevole per degli umani di solito così ottusi da non capire nemmeno che sappiamo leggere.