Cucina senza senza con Irene


Zuppa di carciofi farro e ceci
febbraio 21, 2010, 5:25 pm
Filed under: Zuppini | Tag: , ,


Tempo occorrente: 6 ore di ammollo, 40 minuti di preparazione
Ingredienti per 4 persone
4 carciofi
4 cipollotti
200 gr di farro
200 gr di ceci
3 spicchi d’aglio
2 chiodi di garofano
2 foglie d’alloro
2 rametti di rosmarino
Qualche foglia di prezzemolo
Sale grosso marino integrale
Sale fino marino integrale
2 cucchiai d’olio extra vergine d’oliva

In due pentole diverse cuocere in acqua bollente il farro e i ceci. Aromatizzare entrambe con una foglia d’alloro, uno spicchio d’aglio steccato con un chiodo di garofano e sale. Continuare la cottura per 20 minuti. Intanto mondare, lavare e affettare i cipollotti e i carciofi, sistemarli in un pentola coprirli d’acqua, aggiungere un rametto di rosmarino, salare e far cuocere 15 minuti. Mondare il gambo dei carciofi, tagliarlo a piccoli cubetti e passarli in una piccola padella con olio e aglio. Tenerli da parte aromatizzando con rosmarino tritato Scolare separatamente i cereali e i legumi una volta cotti. Prendere metà dei ceci e una parte del brodo di carciofi, passarli al mixer e rimettere nel resto del brodo di carciofi, far addensare un attimo. Mescolare anche il resto degli ingredienti aggiustare di sale. Mescolare il resto degli ingredienti alla zuppa e servire decorando con rosmarino, alloro e i gambi di carciofo al rosmarino.

Praticamente una pozione magica contro il raffreddore ancora agguerritissimo.

Annunci


Zuppino alla zucca, mandarino, zenzero e cannella
dicembre 6, 2009, 9:01 pm
Filed under: Zuppini | Tag: , , ,

Tempo occorrente: 30 minuti
Ingredienti per 4 persone:

800 gr di polpa di zucca tagliata a dadini
180 gr di riso
1 patata grossa
1 porro
1 pezzo di zenzero
Cannella in polvere
Noce moscata
Chiodo di garofano
2 mandarini provenienti da agricoltura biologica
Sale grosso marino integrale
2 cuccchiai d’olio

In una ciotola versare 2 cucchiai d’olio, grattugiare noce moscata, aggiungere cannella. Sbucciare i mandarini, spremere le bucce e unire il tutto all’olio. Lasciare riposare
Mondare, lavare e affettare il porro. Sbucciare lo zenzero.
In una pentola mettere la polpa di zucca, grattugiare la patata, aggiungere il chiodo di garofano, lo zenzero, una presa di sale grosso. Lasciare bollire per 20 minuti. In un’altra pentola portare ad ebollizione abbondante acqua, salare e versare il riso. Far cuocere 6 minuti. Tenere da parte 4 cucchiai d’acqua calda, scolare il riso e raffreddarlo sotto l’acqua fredda corrente. Nei 4 cucchiai d’acqua calda sciogliere del sale. Unirlo a riso e versare tutto nell’olio aromatizzato. Estrarre lo zenzero e frullare a crema la zucca con le altre verdure, aggiungere il riso Servire decorando con cannella e bucce di mandarino.

Una ricetta che coniuga la zucca di mantovana memoria e gli agrumi delle coste lambite dal mediterraneo. Andrei in vacanza con un take away di zuppino sempre pronto.



Zuppino di avena, zucchine, patate e porri
novembre 22, 2009, 9:39 pm
Filed under: Zuppini | Tag: ,

Tempo occorrente: 40 minuti di preparazione, 8 ore di ammollo
Ingredienti per 4 persone:

2 patate medie
2 zucchine medie
1 porro
120 gr di avena lasciata precedentemente in ammollo per 8 ore
2 foglie d’alloro
2 spicchi d’aglio
2 chiodi di garofano
1 pezzetto di zenzero
Timo
Olio extra-vergine d’oliva
Sale grosso marino integrale

Lavare e mondare le zucchine, il porro. Sbucciare le patate e l’aglio.
In una pentola ampia passare alla grattugia le zucchine e le patate.
Su un’assina affettare sottilmente il porro e unirlo al resto delle verdure, aggiungere un litro e mezzo d’acqua. Insaporire con 1 foglia di alloro e uno spicchio d’aglio e un chiodo di garofano. Mettere sul fuoco e lasciar cuocere 25 minuti. Intanto portare ad ebollizione una pentola media d’acqua unire uno spicchio d’aglio, un chiodo di garofano e l’avena. Far cucocere 20 minuti, quindi scolarla ed aggiungerla alle verdure.
Servire con un giro d’olio a crudo e qualche rametto di timo.

Lodevole: Una soluzione per affrontare la pioggerellina fine fine di una grigia domenica di novembre. Peccato che lo zuppino non renda la pelliccia impermeabile.



Zuppa di cicerchia, carote, grano saraceno ai due piccanti
settembre 6, 2009, 7:19 pm
Filed under: Zuppini | Tag: , ,

cicerchiasaracenocarotezenzeroTempo di preparazione: 15 minuti, 6 ore di ammollo, 3 ore di riposo
Ingredienti per 4 persone:

100 gr di cicerchia
100 gr di grano saraceno
200 gr di carote (2 carote medie)
50 gr di zenzero già sbucciato
1 spicchio d’aglio
1 spolverata di paprika
40 gr di noci di macadamia
Sale grosso marino integrale
1 cucchiaio d’olio extra-vergine d’oliva
1,5 lt d’acqua

Lasciare in ammollo la cicerchia per 6 ore.
Grattugiare la carota, lo zenzero, unire la cicerchia scolata e lavata, lo spicchio d’aglio e l’acqua. Portare ad ebollizione, unire il grano saraceno. Cuocere per 10 minuti. Spegnere il fuoco, coprire con un coperchio e lasciar riposare 3 ore.
Servire decorando con paprika, noci di macadamia tritate grossolanamente ed un filo di olio a crudo.

gatta5Zuppino salva-vita, quando si rientra senza voglia di cucinare. Lo riscaldi e mangi tutto quello di cui hai bisogno, le verdure restano colorate, il grano saraceno al dente lo zenzero brillante: è un cibo che passa più tempo a riposare che ad essere cotto.



Minestrone in crosta
marzo 1, 2009, 1:23 pm
Filed under: Zuppini | Tag:

minestrone-in-crostaTempo occorrente: preparazione 4 ore di ammollo dei cereali cottura 40 minuti
Ingredienti per 4 persone

8 foglie di cavolo nero piccolo
1 cipollotto
1 carota
1 finocchio piccolo
4 zucchine
100 gr di legumi misti per zuppa
Sale alle erbe
2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva
100 gr di farina di kamut

Lasciare in ammollo i legumi misti da zuppa per 4 ore.

Tagliare a piccoli pezzi le verdure e metterle a cuocere con poca acqua per 20 minuti. Aggiustare di sale.

Impastare la farina di kamut con un cucchiaio d’olio, un pizzico di sale alle erbe e tanta acqua tiepida per ottenere un impasto liscio ed elastico.

Stendere su un’asse con un matterello la pasta non troppo sottile, della larghezza delle cocottine da forno mono-porzione. Dividere la zuppa in 4 cocottine che possono andare in forno. Ricoprire le cocottine ciascuna con un disco di pasta, spennellare d’olio d’oliva. Con della carta forno confezionare dei 4 coni, infilarne uno in ogni disco di pasta al centro, in modo che funzioni da camino e faccia uscire il vapore in eccesso. Cuocere in forno pre-riscaldato a 180° per 10 minuti. Servire caldo.

gattaFinalmente la ragazza del III° piano mi ha offerto del cibo: un biscotto di non so che farina, secco e poco dolce. Non sono riuscita a mangiarlo… Però apprezzo il gesto.



Zuppa di ceci e cozze
novembre 15, 2008, 5:45 pm
Filed under: Zuppini | Tag:

cecicozze
Tempo occorrente: preparazione 8 ore – cottura 1 e 30 minuti
Ingredienti per 4 persone

Per il brodo

1 carota
1 cipolla
1 zucchina
1 gambo di sedano
1 pezzo di zenzero
2 foglie d’alloro
4 grani di pepe
4 chiodi di garofano
1 manciata di sale grosso

Per la zuppa

350 gr di ceci
350 gr di cozze
100 gr di cornetti
Sale alle erbe
2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva
½ bicchiere di vino bianco

Mettere a bagno i ceci per 8 ore. Preparare un brodo profumato con carota, cipolla steccata di chiodi di garofano, zucchina, sedano, zenzero sbucciato, alloro, il sale grosso. Far cuocere 30 minuti, estrarre le verdure e filtrare il brodo. Mondare e lavare i cornetti, poi tagliarli a piccole losanghe. In una pentola mettere due mestolini di brodo e far cuocere i cornetti al dente. Tenere da parte.

Intanto mettere i ceci a cuocere per un’ora. Mettere i mitili in acqua fredda per 15 minuti, spazzolare bene i gusci e togliere i fili tra le valve. In una pentola ampia far scaldare olio ed aglio, aggiungere le cozze. Aspettare che si aprano i gusci e che si riduca il liquido di cottura, unire il vino bianco e far evaporare. Terminata la cottura dei ceci, estrarne la metà, metterli in un contenitore con i bordi alti, unire due cucchiai d’olio e frullare con il frullatore ad immersione. Unire la crema alla zuppa, stemperarla in modo da ottenere una consistenza più uniforme, unire i cornetti e quasi tutti le cozze estratte dal guscio.

Servire la minestra con qualche cozza intera come decorazione.

filippa5Odore di foglie umide e sottobosco di mattina in cortile. Ha piovuto, ed ora splende il sole. Cresceranno i funghi anche qui. La ragazza del terzo piano è partita, è tornata. Ha cucinato e fotografato. Si è rotta una lampadina mentre scattava ed anche la macchina fotografica.
Le ricette del mercato saranno per la prossima volta….



Zuppa di castagne e cime di rapa
novembre 5, 2008, 12:40 pm
Filed under: Zuppini | Tag:

castagne-e-cimedirapaTempo di preparazione 1 ora – Tempo di cottura 30 minuti
Ingredienti per 4 pax

Per il brodo
1 carota
1 zucchina
1 cipolla
4 grani di pepe
4 chiodi di garofano
1 pezzetto di zenzero
Sale grosso
1,2 lt di acqua

Per la zuppa
1 kg di castagne fresche
0,8 kg di cime di rapa
2 rametti di rosmarino
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva

Preparare il brodo mettendo a cuocere nell’acqua fredda la carota, la zucchina, la cipolla steccata con i chiodi di garofano ed i grani di pepe, lo zenzero sbucciato ed il sale. Lasciare cuocere 20 minuti dal bollore. Incidere profondamente le castagne, cuocere al vapore, mettendo l’apposita gratella sopra la pentola del brodo per 20 minuti. Lasciare raffreddare. Intanto mondare e lavare le cime di rapa, metterle a cuocere in abbondante acqua bollente per 20 minuti. Scolare le cime di rapa, strizzarle e passarle in padella con olio extra-vergine d’oliva, sale e peperoncino

Sbucciare le castagne metterle in una pentola con il brodo, 2 rametti di rosmarino ed uno spicchio d’aglio e cuocere per altri 30 minuti. Passare al mixer.
Dividere la crema di castagne in ciotole e decorare con una cucchiaiata abbondante di cime di rapa.

filippa1Le foto stanno migliorando. Merito di Ann’a che le ha dato una breve lezione di fotografia al telefono, e di Valeria che si presta a girare le luci mentre lei cerca di trovare un modo ragionevole di fare click. E’ difficile, tenendo conto che non ci vede tanto e, con la luce negli occhi, la situazione peggiora ulteriormente.

Sempre più complicato mangiare da lei: piatti senza senza, con set fotografico.