Cucina senza senza con Irene


Ci siamo trasferiti su Cucinasenzasenza.com
marzo 4, 2010, 7:06 pm
Filed under: aperture | Tag: , ,

Cucina senza senza ha mosso i suoi passi verso un nuovo dominio!

Ora ci trovate su Cucinasenzasenza.com. Siamo sempre noi: la gatta Filippa e la sottoscritta, Irene.

Se ci avete seguito fin qui vi ringraziamo moltissimo, continuate a farlo. Abbiamo deciso di traslocare in uno spazio più grande e più comodo, con una cucina più spaziosa e attrezzi migliori per la presentazione delle nostre ricette e per ampliare il nostro progetto. Aggiornate dunque indirizzo Web e Feed.

Grazie a Dario Banfi, Alberto D’Ottavi e Stefano Porta che in momenti diversi e in modi diversi hanno reso Cucina senza senza possibile, plausibile, vera.

Grazie a  Michele Leoni e Anna Galante per averci avvicinato al mondo delle immagini con ferma dolcezza.

Grazie a tutti quelli che ci sono legati e che ci seguono fino alle foreste Web 2.0 e a tutti quelli che abbiamo conosciuto in questi luoghi.

Grazie anche a tutti quelli che non abbiamo conosciuto, non conosciamo e non conosceremo, eppure passano di qui!

Venite a trovarci, mi raccomando. Abbiamo anche un modulo contatti e nuove piccole funzioni di presentazione dei nostri contenuti.

A prestissimo, dunque!

Irene

Cosa sta dicendo? Trasloco? Ma se abita sempre al III°? Che sia chiaro io non mi muovo da questo cortile!!! 

 

 

Il nuovo blog

Siamo passati a Cucinasenzasenza.com



Piada e Broccoli
marzo 1, 2010, 3:41 pm
Filed under: Primi piatti | Tag: , ,


Tempo occorrente 30 minuti
Ingredienti per 4 persone

1 confezione di piadine di kamut senza lievito
500 gr di broccoli
20 gr di pinoli
4 semi di coriandolo
40 gr di farina di kamut
½ l di acqua
2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva
Sale alle erbe
Sale grosso marino integrale
Sale fino marino integrale.
1 cucchiaio di farina di mais

Mondare, lavare i broccoli e farli cuocere in acqua bollente salata per 15 minuti.
Mettere a scaldare mezzo litro d’acqua con il sale alle erbe
Intanto in una pentola far scaldare la farina con un cucchiaio d’olio mescolando fino ad ottenere una consistenza a grumi consistenti che si staccano dal fondo, aggiungere l’acqua aromatizzata con il sale alle erbe fino ad ottenere una besciamella densa. Spegnere. Scolare i broccoletti, passarli sotto l’acqua corrente e asciugarli con carta assorbente. In un mortaio pestare i pinoli con i semi di coriandolo, una volta ridotti in farina aggiungerli alla besciamella. Unire i broccoletti e mescolare fino ad ottenere una crema consistente.
Ungere una pirofila con un cucchiaio d’olio e cospargere di farina di mais e fare degli strati di piadina e crema di broccoletti, terminando con la piadina. Scaldare in forno pre-riscaldato a 180° per 10 minuti.

Morbido colorato croccante: si vede che ha visto soul kitchen…. Le ricette in anteprima le trovate su qualcosadirosso



Zuppa di carciofi farro e ceci
febbraio 21, 2010, 5:25 pm
Filed under: Zuppini | Tag: , ,


Tempo occorrente: 6 ore di ammollo, 40 minuti di preparazione
Ingredienti per 4 persone
4 carciofi
4 cipollotti
200 gr di farro
200 gr di ceci
3 spicchi d’aglio
2 chiodi di garofano
2 foglie d’alloro
2 rametti di rosmarino
Qualche foglia di prezzemolo
Sale grosso marino integrale
Sale fino marino integrale
2 cucchiai d’olio extra vergine d’oliva

In due pentole diverse cuocere in acqua bollente il farro e i ceci. Aromatizzare entrambe con una foglia d’alloro, uno spicchio d’aglio steccato con un chiodo di garofano e sale. Continuare la cottura per 20 minuti. Intanto mondare, lavare e affettare i cipollotti e i carciofi, sistemarli in un pentola coprirli d’acqua, aggiungere un rametto di rosmarino, salare e far cuocere 15 minuti. Mondare il gambo dei carciofi, tagliarlo a piccoli cubetti e passarli in una piccola padella con olio e aglio. Tenerli da parte aromatizzando con rosmarino tritato Scolare separatamente i cereali e i legumi una volta cotti. Prendere metà dei ceci e una parte del brodo di carciofi, passarli al mixer e rimettere nel resto del brodo di carciofi, far addensare un attimo. Mescolare anche il resto degli ingredienti aggiustare di sale. Mescolare il resto degli ingredienti alla zuppa e servire decorando con rosmarino, alloro e i gambi di carciofo al rosmarino.

Praticamente una pozione magica contro il raffreddore ancora agguerritissimo.



Arance di San Valentino
febbraio 14, 2010, 7:23 pm
Filed under: Dolci | Tag: , ,

Tempo occorrente: 15 minuti
Ingredienti per 4 persone:

4 arance
1 pezzetto di zenzero
4 chiodi di garofano
1 bastoncino di cannella
8 cucchiai di miele
cioccolata agli anacardi

Sbucciare lo zenzero, steccarlo con i chiodi di garofano e la stecca di cannella.
Mettere a scaldare il miele con lo zenzero, a fuoco dolce, finché diventa spumoso.

Spellare le arance a vivo, tagliarle a rondelle, disporvi sopra il miele e trucioli di cioccolato.

Questa ricetta è un’idea di Valeria che questa sera lavora fino a tardi, Trottolona.



Roma sotto la neve
febbraio 12, 2010, 11:18 pm
Filed under: aperture | Tag: , ,

Questa mattina ho chiesto ad Anna, la foto-maestra romana d’adozione, di immortalare la citta’.
Mi ha risposto, mesta, che l’influenza l’ha segregata in casa.
Fortunatamente non le ha impedito di cogliere il momento in uno scatto.

Anvedi ho!



Risi e Bisi in forchetta
febbraio 7, 2010, 3:59 pm
Filed under: Piatti della festa | Tag: , ,

Tempo occorrente: 6 ore d’ammollo, 45 minuti di preparazione
Ingredienti per 4 persone

300 gr di taglierini di riso
80 gr di piselli secchi

1 carota
1 cipolla
1 gambo di sedano
2 spicchi d’aglio
2 chiodi di garofano
1 foglia d’alloro

1 cucchiaino di curry
noce moscata
1 mazzetto di prezzemolo

Sale grosso marino integrale
Sale fino marino integrale

1 cucchiaio di margarina
2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva

Preparare 2 lt di brodo di verdura con 3/4 della carota, 1/2 cipolla, 1/2 gambo di sedano, 1 foglia d’alloro, 1 spicchio d’aglio spellato e steccato con il chiodo di garofano, sale grosso marino integrale, far cucocere 20 minuti.

Intanto affettare a piccolissimi dadi il resto della carota, cipolla e sedano. Preparare un soffritto con la dadolata di aromi, una foglia d’alloro, uno spicchio d’aglio steccato con chiodo di garofano, un cucchiaio d’olio e sale fino marino integrale.

Mescolare la margarina con il curry, noce moscata e un pizzico di sale. Tritare al coltello il prezzemolo.

Una volta pronto il brodo un terzo metterlo in una piccola pentola. Cuocere i piselli per 15 minuti. A cottura ultimata scolare i piselli, raffredarli e unirli al soffritto di.carote, sedano cipolla. Nella pentola grande lasciare il resto del brodo, portare a ebollizione. Cuocere la pasta di riso per 8 minuti. Scolare, condire con la margarina al curry, passare nel sugo ai piselli, servire con prezzemolo tritato.

Accostamento antico ma dalle sfumature inconsuete, come una domenica in citta’ senza auto.



SAMBIIGA, UN ALTRO MODO DI VIAGGIARE
febbraio 6, 2010, 12:56 pm
Filed under: aperture | Tag: , ,

Sono rientrati dal Burkina Faso i 15 italiani che hanno partecipato, dal 24 dicembre 2009 al 12 gennaio 2010, al progetto “sambiiga, l’altro fratello”, il primo reality show responsabile.

Si tratta di un progetto di comunicazione integrata, nato dalla collaborazione fra diverse realtà della società civile italiana, che attraverso internet, radio e video vuole dare voce alle realtà straordinarie che i partecipanti a questo viaggio di turismo responsabile hanno incontrato lungo il loro cammino.

“Sambiiga” è un’espressione della lingua moorè del Burkina Faso che significa “fratello”, non tanto però come fratello di sangue, della stessa famiglia, quanto piuttosto come “Fratello” in senso più ampio, con riferimento alla fraternità umana universale.

In questo senso traduce perfettamente lo spirito del progetto “L’altrofratello”, che si fonda proprio su questa visione dell’umanità intesa come una grande famiglia, che va al di là di ogni frontiera fra gli uomini.

Ognuno di noi è “sambiiga”… con tutti i fratelli del pianeta.

Alle già feconde diversità culturali, fonti di mille potenziali scoperte, si è aggiunto l’enorme scarto economico fra i “turisti” italiani e le persone che hanno incontrato nel terzo paese più povero del mondo; questo li ha portati inevitabilmente ad interrogarsi sugli squilibri economici e sulle cause della povertà, più da un punto di vista esistenziale, che economico.

Ogni membro del gruppo in questo senso ha fatto un percorso, sia fisico che ed interiore, che lo ha portato a conoscere il Burkina Faso e le sue genti, confrontandosi con esse e affrontando i cambiamenti interiori che ne sono derivati.

Per ora il progetto si è sviluppato sul web, in un blog e attraverso dei collegamenti telefonici con diverse radio italiane (Afriradio, LifegateRadio, RadioRAI2) che hanno accompagnato il viaggio dei nostri amici in Burkina Faso.

Ma durante il viaggio sono state raccolte anche oltre 60 ore di materiale video, che verranno montate con l’intento di avvicinare a certi aspetti, che difficilmente trovano spazio nei mass-media.

Il Progetto, promosso dall’Associazione T-ERRE in collaborazione con l’ONG Mani Tese, ha trovato l’appoggio di realtà importanti come la centrale del commercio equo e solidale Commercio Alternativo, il Cem Mondialità, la Fondazione Culturale Responsabilità Etica, Chiama l’Africa, l’Agenzia Faventia Tourist e di alcuni media-partner come Afriradio, LifeGateRadio e il social network ZOES. A produrre la parte video è la giovane realtà torinese di LIBRE, associazione di idee.

Per informazioni:
andrea@altrofratello.it – daniel@altrofratello.it – michele@altrofratello.it
http://www.altrofratello.it

Certo che quando torni a casa da un viaggio così un pò’ vien da chiedersi “che ci faccio qui?”




Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.